Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

In concomitanza alla diretta Instagram di FantaSanremo che ha svelato i vincitori, ecco il comunicato stampa che motiva la scelta, a pochi giorni dall'inizio del Festival di Sanremo. Il Premio Lunezia esprime le indicazioni sui testi dei big in gara.

Stefano De Martino, Patron della rassegna battezzata 29 anni fa da Fernanda Pivano e Fabrizio De André, rende nota la scelta. Una scelta quest’ anno dibattuta su di una rosa di candidati più nutrita del solito, tra cui Fiorella Mannoia, Negramaro, Angelina Mango, Mr. Rain, BigMama, Loredana Bertè, Dargen D’Amico e i Santi Francesi. Alla fine è arrivata la fumata bianca.

Il “Premio Lunezia per Sanremo 2024” va ai Negramaro per il brano “Ricominciamo tutto”.

Non manca la qualità dei testi a Sanremo, ed è così da diversi anni. Nell'impegno di una sola scelta indichiamo l'opera dei Negramaro – afferma il Patron Stefano De Martino. Grazia e leggerezza in visita a luoghi interiori ed esteriori del sentimento amoroso, per chiedere di ricominciare, un dilemma nel quale tutti dovremmo ritrovare fede. Un testo dalla perfetta resa formale che troverà sicura alchimia con la musica e la voce del suo Leader. Quindi una canzone di prenotata qualità musical-letteraria - conclude il Patron De Martino.

A queste parole fa seguito la motivazione del critico musicale Dario Salvatori (membro Commissione del Premio Lunezia): «Il vero senso di una fine. La misura della perdita non si può colmare e le esperienze future non saranno mai nuove davvero. In fondo questo testo può essere utilizzato come amuleto, gravido dei migliori auspici e carico di notti insonni. Impara l'arte e poi indaga».

Oltre al Patron Stefano De Martino, i portavoce della Commissione del Premio Lunezia sono Beppe Stanco, Loredana D'Anghera, Selene Pascasi, Dario Salvatori, Marina Pratici, Giuseppe Anastasi, Roberto Benvenuto, Mariella Nava, Riccardo Benini, Stefano Ferro, Lorenzo Varese, Fabio Gallo.

La 29° edizione del Premio Lunezia (Festival della Luna) si svolgerà su più date nel periodo estate/autunno 2024 in varie tappe nazionali.

Nelle recenti edizioni il Premio Lunezia è stato patrocinato dal Ministero della CulturaRegione ToscanaRegione Liguria, Nazionale Italiana Cantanti Siae. La manifestazione gode, inoltre, della collaborazione di Rai Isoradio e di servizi Rai Tv in tema di rubriche e notiziari per cura di Savino Zaba.

Lo scorso Settembre si sono riaperte le iscrizioni alla Sezione Nuove Proposte del Premio Lunezia 2024.

Marco Sciarretta, cantautore milanese, dopo aver gestito numerosi locali in Italia con musica dal vivo, ha preso il mare e idealmente da Nisida ha viaggiato fino a trovare la “sua” Atlantide: Tenerife è diventata il suo porto, il luogo dove gettare l’ancora e fare il proprio nido. Un raffinato musicista, un artigiano di parole, che ha fatto della sua passione, un mestiere. Scrive testi e musica, che sono per lui anche un impegno sociale. Il singolo La Guerra alle Spalle, pubblicato nel 2022, è una riflessione, importante, sulla guerra in atto, su tutte le guerre che ancora costringono alla fuga, alla ricerca disperata di salvare i propri figli da un destino che sembra segnato, per regalare loro la speranza di una vita migliore. Lui racconta le cose della vita, anche gli aspetti più crudi del nostro oggi. A novembre 2023 è uscito il suo ultimo singolo, Come ti sei permesso, brano tagliente e al tempo stesso delicato che ci costringe a pensare, senza distogliere lo sguardo e l’anima da un tema che coinvolge tutti, nessun escluso. Un testo fatto di parole semplici, che arrivano dritte al cuore con cui il cantautore chiede a sé stesso e a noi tutti, un’assunzione di responsabilità, perché ognuno di noi può e deve, nel suo piccolo, saper ascoltare anche le parole non dette, leggere negli occhi impauriti di una donna, la richiesta silenziosa di aiuto. Come ti sei permesso anticipa il nuovo attesissimo album del cantautore che arriverà in primavera: un nuovo importante tassello del suo percorso artistico, della rotta tracciata Tra Nisida ed Atlantide, con la sua musica che senza fretta, in equilibrio tra parole e note, trova spazio e respiro con le sue fedeli chitarre.

Ciao Marco. Cosa significa essere cantautore?

Significa fondamentalmente, fare il mio mestiere, quello che mi rende felice senza abdicare alla responsabilità di raccontare con impegno non solo le cose belle della vita, ma anche quelle difficili da affrontare. Insomma, non solo “sole cuore amore”: scrivo di quello che mi succede intorno, quello che accade in questo mondo così ferito. Ho scritto La Guerra alle Spalle ascoltando le testimonianze degli inviati che raccontavano le cose viste da vicino, i civili che difendevano confini, le fughe disperate di madri che cercavano la salvezza per i figli. Ho cantato una guerra vista non dall’alto, ma da vicino, dove non ci sono vittorie, ma solo perdite, dolore. Allo stesso modo in 50 anni domani attraverso ricordi di vita vissuta e piccole abitudini personali, ho messo insieme pezzetti della mia esistenza. La mia quotidianità, le cose che ho vissuto e quello che al contrario, non ho visto. Parlo di me, delle mie piccole manie alla vigilia del mio compleanno che è diventato un’occasione di riflessione.

L’ultimo singolo, Come ti sei permesso, è uscito con il suo video a novembre 2023. Vuoi parlarcene?

Stavo leggendo le notizie dell’Italia. Era il mese di giugno e l’articolo affrontando il tema del femminicidio, riportava l’elenco infinito delle vittime di quei primi sei mesi dell’anno: una ogni tre giorni. Come succede spesso, la canzone è venuta da sola, accompagnata da un dolore sordo, un’indignazione profonda che non mi ha lasciato scampo costringendomi a scrivere, a fare i conti con queste notizie di cronaca, terribili. Ho cercato di lasciare che quel dolore avesse il giusto respiro e nominare tutte una per una le vittime di quei primi sei mesi, doveroso. Una canzone che vuole essere un monito a reagire, con la convinzione e la speranza che, insieme, si possano cambiare le cose, mettendo fine a questi orrori. Ci sono con me le voci femminili di Simona Piscitello e della giovanissima e talentuosa Isabel, a sottolineare l’importanza nella nostra vita delle donne e la loro unicità.

Dopo aver gestito diversi locali dove si faceva musica in Italia, hai collaborato con moltissimi musicisti, scritto per te e per altri; sognando la “tua Atlantide” hai preso il largo, trovando casa e amore a Tenerife. Il tuo progetto musicale e di vita, prende il nome dal tuo primo album Tra Nisida ed Atlantide. Raccontaci

Parto da Tra Nisida ed Atlantide, per spiegare quello che sembra un errore di ortografia: ed è voluto e sottolinea il passaggio, la navigazione verso la realizzazione dei propri sogni. Da questo parte tutto il mio progetto di vita ed artistico, come hai sottolineato. Nisida rappresenta un po', il mio alfa, quello che ha dato il via al mio amore per il cantautorato partendo da grandi come Bennato, per arrivare ad Atlantide cantata da De Gregori, tracciando una rotta che mi ha portato a Tenerife, dove ho scelto di gettare l’ancora. Qui, posso suonare tutto l’anno, grazie al clima mite e il turismo, dedicandomi del tutto a questo meraviglioso mestiere. Qui, ho incontrato anche Simona, che ora è mia moglie e collabora con me. Su quest’isola, posso vivere con e per la musica e trovare il tempo di fermarmi su uno scoglio, in quel punto dell’oceano, dove aspettare il passaggio dei delfini…

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Intanto Come ti sei permesso, per la prima volta verrà tradotto ed inciso anche in spagnolo; in primavera uscirà Intima, il nuovo album che apre un nuovo importante capitolo del mio progetto con tanti live che spero di poter portare anche in Italia. 

 

 

Ornella Vanoni sarà protagonista del grande concerto evento “Senza Fine”, il 28 aprile al Teatro Arcimboldi di Milano, per celebrare la sua lunga carriera. 

Ornella Vanoni, cantante "intellettuale" e impegnata, diva elegante e senza tempo della musica italiana, ha suscitato sin dal suo debutto negli anni sessanta, l’ammirazione del pubblico italiano e degli addetti ai lavori.

Una delle più importanti e riconoscibili artiste della musica dalla voce intensa e sofisticata, calda e graffiante salirà sul palco del Teatro Arcimboldi per una serata che promette di restare impressa nella nostra memoria per molto tempo… senza fine.

I biglietti per la serata evento, prodotto e organizzato da Color Sound e in collaborazione con Friends & Partnerssono disponibili  su TicketOne.it e nei punti vendita e nelle prevendite abituali (info su www.colorsound.com).

RTL 102.5 è Radio Ufficiale dell’evento.

I Green Day sono tornati con "Saviors"! L'album, registrato tra Londra e Los Angeles, è frutto di un notevole lavoro di squadra col produttore Rob Cavallo, vincitore di un Grammy Award e già collaboratore degli album "American Idiot" (2004) e "Dookie" (1994). 

"Saviors", anticipato dal singolo "The American Dream Is Killing Me", attualmente in rotazione radiofonica, è il 14° album in studio di Billie Joe Armstrong, Mike Dirnt e Tré Cool ed è disponibile nei seguenti formati: CD, Vinile Nero, Vinile Nero 180 gr Gatefold e Vinile Rosa. 

Insieme al nuovo brano è stato pubblicato un video musicale in bianco e nero ispirato ad un film noir che vede i Green Day nel bel mezzo di un'apocalisse zombie.  Il videoclip è stato diretto da Brendan Walter e Ryan Baxley e girato a Los Angeles.

La band sarà in Italia il 16 giugno all'Ippodromo La Maura di Milano, in occasione degli iDays, per uno show imperdibile.

Tracklist "Saviors"

1. ‘The American Dream Is Killing Me’
2. ‘Look Ma, No Brains!’
3. ‘Bobby Sox’
4. ‘One Eyed Bastard’
5. ‘Dilemma’
6. ‘1981’
7. ‘Goodnight Adeline’ 
8. ‘Coma City’
9. ‘Corvette Summer’
10. ‘Suzie Chapstick’
11. ‘Strange Days Are Here to Stay’
12. ‘Living In The ’20s’
13. ‘Father To A Son’
14. ‘Saviors’
15. ‘Fancy Sauce’

"Angelic" è una canzone alternative pop, una ballata sull'amore non corrisposto, nello stile di "Jocelyn flores" di XXXTentacion o "Luna" di Smashing Pumpkins. La canzone ha un video musicale girato dal collaboratore di Albert Watson ossia Keith Coleman. La canzone sarà presentata dal vivo in 3 spettacoli a Città del Messico e a Guadalajara e Monterey nel mese di febbraio.

I Love Ghost sono apparsi sia su Rolling Stone che sulla copertina di TIMEOUT di Città del Messico. I Love Ghost sono apparsi anche in Playboy Mexico, American Songwriter, FLAUNT, Alternative Press, Lyrical Lemonade, Earmilk e molti altri.

I Love Ghost sono stati recentemente in tournée in Europa dove hanno suonato al festival Rockpalast trasmesso in tutta la Germania dalla televisione tedesca. A Città del Messico hanno suonato all’Auditorio BB, all’Indie Foro Rocks e al Amazon Gamergy Festival, trasmesso in tutta l’America Latina. Hanno realizzato canzoni con artisti di tutto il mondo tra cui Rico Nasty, Adan Cruz, Teeam Revolver, Geassassin, Mabiland e Tankurt Manas.

Finnegan Bell dei Love Ghost ultimamente è in Messico e sta scrivendo e registrando con molti artisti latini, tra cui Wiplash, Dan Garcia, Ritorukai, Go Golden Junk, ND Kobi, FLVCKKA, Phyzh Eye, Josue, Young Dupe, Blnko, Helian Evans e molti altri. I produttori con cui stanno lavorando in Messico includono Shantra (l’ultimo album dei Santa Fe Klan), BrunOG (nominato ai Latin Grammy) e SAGA. E' in arrivo un intero album con il chitarrista e produttore di Marilyn Manson Tim Skold commissionato da Metropolis Records.

© 2022 LuMagazine All Rights Reserved. Designed By Swebdesign
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.