Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Rock in Roma 2023 arrivano i Nu Genea, duo partenopeo di produttori, DJ, musicisti, ricercatori sonori che ha fatto conoscere al mondo intero il nuovo sound della disco-funk vesuviana: si esibiranno il 28 giugno 2023 all’Ippodromo delle Capannelle. La data è lo spostamento del live inizialmente previsto per il 3 marzo 2022 all’Atlantico Live.

I biglietti saranno disponibili dalle ore 10:00 di lunedì 6 febbraio su rockinroma.com, su www.ticketone.it e dalle ore 10:00 di giovedì 9 febbraio nei punti vendita autorizzati Ticketone. I biglietti già acquistati per il concerto del 3 marzo 2023 all’Atlantico Live di Roma restano validi per la data del 28 giugno 2023 a Rock in Roma.

A quattro anni da Nuova Napoli, i Nu Genea sono tornati con Bar Mediterraneo, un nuovo album e un nuovo viaggio, che proietta ancora più lontano i suoni del duo composto da Massimo Di Lena e Lucio Aquilina. Il Bar Mediterraneo dei Nu Genea è l’idea di uno spazio comune, dove le persone si incontrano e si fondono. Un luogo con le porte sempre aperte ai viandanti e alle loro vite, sempre esposte ai capricci della sorte. Lo si prova ascoltando la moltitudine di suoni che caratterizzano i brani: strati di strumenti acustici, voci e sintetizzatori che si uniscono in una miscela unica di timbri. Aprendo alle voci di tanti popoli diversi, separati dalle lingue ma uniti dal mare e dalla musica, la Napoli dei Nu Genea si fa vero luogo d’incontro. Bar Mediterraneo è il luogo nel quale le persone tornano di continuo per trasformare la curiosità in partecipazione, la tradizione in condivisione, lo sconosciuto in familiare. Quando i viandanti attraversano le sue porte e mettono in comune con gli altri i propri tesori di parole ed emozioni, smettono di essere estranei. Prendono parte a un’esperienza comune, nella quale arricchiscono sé stessi e gli altri guidando viaggi musicali inattesi.

Nu Genea è il progetto artistico dei musicisti e dj napoletani Massimo Di Lena e Lucio Aquilina. Il movente è un’indagine storiografica sulla musica da “dancefloor” nella sua essenza: lungo le rotte che collegano la musica di tutto il mondo, i Nu Genea raccolgono gli echi della musica che, storicamente, hanno bagnato le coste del golfo di Napoli, loro città natale e fonte inesauribile di miscele culturali, e creano un nuovo solco nella scena contemporanea. Si distinguono, sin da subito, per la meticolosa ricerca che trae ispirazione da terreni sonori poco esplorati, mettendo al setaccio la musica del passato e rielaborandola in una personale formula di suono che è groove allo stato puro con influenze disco, funk, boogie, elettronica, folk e tanto altro. Dopo l’acclamato LP strumentale, "The Tony Allen Experiments" (2015), in collaborazione con Tony Allen - storico batterista di Fela Kuti - nel 2018 pubblicano "Nuova Napoli”, un omaggio alla loro città natale: i sintetizzatori diventano un ponte tra passato e futuro, amalgamandosi a strumenti acustici, elettronica e voci in lingua napoletana. Nel 2021 viene pubblicato il singolo Marechià, cantato dalla francese Célia Kameni: rapidamente si conferma come una travolgente hit estiva ed il duo napoletano si ritrova in vetta alle classifiche delle principali radio italiane e francesi. A maggio 2022, i Nu Genea presentano Bar Mediterraneo: un nuovo album e un inatteso viaggio musicale, dove si incontrano le voci di tanti popoli diversi, separati dalle lingue ma uniti dal mare e dalla musica. Le loro esibizioni continuano ad entusiasmare prestigiosi festival e club in giro per il mondo, sia grazie alla grande carica energetica in versione live band, ma anche grazie alla sofisticatezza della selezione musicale che rende i loro dj set unici e originali. Nu Genea cura inoltre, insieme a DNApoli e Famiglia Discocristiana, la compilation Napoli Segreta, incentrata sulla rivalorizzazione e ripubblicazione di musica prodotta a Napoli negli anni '70 e '80.

 

Come tradizione, a pochi giorni dall'inizio del Festival di Sanremo, il Premio Lunezia esprime le indicazioni sui testi dei big in gara. Stefano De Martino, Patron della rassegna battezzata 28 anni fa da Fernanda Pivano e Fabrizio De André, rende nota la scelta. Il “Premio Lunezia per Sanremo 2023” va ai Coma_Cose per il brano “L’addio”.

«’L'addio’ è un testo dai delicati intenti, con raffinati passi lirici e un messaggio semplice e commovente. Ma ‘L'addio’ è anche una canzone dall'attesa energia musical-letteraria. ‘L'addio’ nel suo concetto inverso, un impegno laico, per non farlo mai valere. ‘L'addio’ come gesto salvifico, per ritrovarsi nonostante tutto» afferma il Patron De Martino.

A queste parole fa seguito la motivazione del critico musicale Dario Salvatori (membro Commissione del Premio Lunezia): «Il tema che abbiamo premiato è il coraggio e la protezione. Un tema che al Festival di Sanremo è sempre stato considerato al pari di una terapia di coppia, talora speziato da ripicche e dispetti. Meritato il Premio Lunezia per Sanremo».

La XXVIII edizione del Premio Lunezia (Festival della Luna) si svolgerà su più date nel periodo estate/autunno 2023 in varie tappe nazionali.

Nelle recenti edizioni il Premio Lunezia è stato patrocinato dal Ministero della Cultura, Regione Toscana, Regione Liguria, Nazionale Italiana Cantanti e Siae. La manifestazione gode, inoltre, della collaborazione di Rai Isoradio e di servizi Rai Tv in tema di rubriche e notiziari per cura di Savino Zaba.

Il 3 Ottobre scorso si sono riaperte le iscrizioni alla Sezione Nuove Proposte del Premio Lunezia 2023.

Gianfranco Agus, storico inviato a Sanremo, che non compare in video da 7 anni, ha scelto “BellaMa’” per il suo ritorno a Sanremo. Un gentiluomo della tv italiana, che sul red carpet del Teatro Ariston è di casa. Il programma condotto da Pierluigi Diaco, che mette a confronto generazione Z e boomer, in onda su Rai 2 dal lunedì al venerdì dalle 15.25, seguirà il festival anche grazie ai collegamenti con Gianmaurizio Foderaro, storica voce di RadioRai e uno dei massimi esperti di musica, che intervisterà i cantanti in gara e gli ospiti del Festival. Prevista inoltre una puntata speciale nel pomeriggio di sabato 11 febbraio. 

Nello Studio 1 della Dear - Fabrizio Frizzi di Roma, invece, Pierluigi Diaco sarà accompagnato nel viaggio della settimana sanremese, a partire dal 6 febbraio, da Adriana Volpe e dai cantanti Marco Carta (vincitore a Sanremo nel 2009) e Manuela Villa, che ogni giorno si esibiranno dal vivo con le canzoni più amate del Festival. A loro si aggiungerà mercoledì 8, giovedì 9 e venerdì 10 anche il grande Nicola Di Bari, e venerdì 10 anche il grande Al Bano. 

Durante la settimana altri super ospiti commenteranno il Festival con la generazione Z e i boomer di BellaMa’: lunedì 6 Mal, martedì 7 Bobby Solo e per venerdì 10 è atteso un altro grande nome della musica leggera italiana, direttamente dal palco dell’Ariston.

Ogni giorno opinionisti e concorrenti delle due generazioni racconteranno il Festival di Sanremo a loro modo, realizzando reel e TikTok.

Lunedì 13 febbraio, quando le luci del Festival saranno spente, BellaMa’ chiuderà il ciclo “Tutti cantano Sanremo” (partito a novembre), con l’ultima puntata per fare un bilancio di questa edizione del Festival della musica italiana. In studio con Pierluigi Diaco: Adriana Volpe, Antonella Elia, Manuela Villa, Marco Carta, Gianfranco Agus e Gianmaurizio Foderaro che racconteranno il dietro le quinte del loro viaggio sanremese.

“Cartoons On The Bay – International Festival of Animation, Transmedia and Meta-Arts” torna a Pescara dopo il successo dello scorso anno. Dal 31 maggio al 4 giugno 2023 la città abruzzese accoglierà la 27a edizione dell’evento promosso dalla Rai e organizzato da Rai Com.

Tema dell’anno sarà “Reale, Irreale, Virtuale. Mondi immaginati e mondi immaginari. Tra utopia, opportunità e alienazione. La sospensione dell’incredulità tecnologica”. Il Festival diretto da Roberto Genovesi assegnerà a giugno tre nuovi Pulcinella Award che guardano al futuro e alla capacità di innovazione del settore: Premio Transmedia (al brand in grado di portare gli spettatori su diverse piattaforme grazie alle sue capacità narrative), Premio Meta (al brand in grado di immergere lo spettatore in un ambiente digitale affascinante, stimolante e sicuro). Cartoons è anche il primo festival al mondo a introdurre il riconoscimento al prodotto creativo che meglio di altri ha saputo raccontare ai target di riferimento la complessità  della tematica del gender, il Premio Arlecchino.

Novità anche per le categorie del concorso, al quale è possibile iscriversi tra l’1 febbraio il 31 marzo:  Preschool Tv Show (2-4 anni), Upper Preschool  Show (4-6 anni), Kids  Tv Show (7-11 anni), Youth Tv Show (11+ anni), Interactive AnimationLive Action And Hybrid ShowTv PilotShort Film e Animated Feature.

Trecentosessanta le opere in concorso nell’ultima edizione, oltre mille i professionisti del settore accreditati al Festival, più di 5 mila le presenze agli spettacoli in piazza Salotto, migliaia gli studenti che hanno assistito alle proiezioni in anteprima. Traguardi che “Cartoons On The Bay” punta a superare con l’edizione 2023.

Il giovane tenore napoletano Giuseppe Gambi, da poco rientrato da un tour internazionale che lo ha portato a calcare importantissimi palcoscenici, guidato dal produttore Adriano Aragozzini, ha da poco pubblicato il suo ultimo singolo: "Adesso esisti", scritto “su misura” per lui da Maurizio Fabrizio (il quinto autore più presente al Festival di Sanremo con 34 canzoni).

Il repertorio del tenore napoletano spazia dai grandi classici napoletani e italiani, a brani di carattere internazionale. La canzone “Adesso esisti”, disponibile su tutte le piattaforme streaming (da Spotify a Youtube), attraverso una modalità di canto “lirico” moderno, valorizza l’elegante timbro e l’incredibile estensione vocale del tenore napoletano, qualità apprezzate anche da Mara Venier, che ha voluto che il songolo fosse presentato durante la puntata di Domenica in dedicata a Sanremo (l’ascolto della trasmissione  è virato dal 20,50 al 22% proprio durante l’esibizione di Gambi).

Giuseppe Gambi si è diplomato al Conservatorio di Avellino e ha completato gli studi con una seconda laurea in canto lirico. Ha vinto il primo premio come tenore al “Concorso Nazionale Campi Flegrei” e al “Concorso Internazionale Ritorna Vincitore”. Ha vinto il “Premio Eur Mediterraneo” a Roma e il “Premio Città di Partenope” a Napoli.
In Italia è protagonista di spettacoli e concerti nei teatri più importanti e nelle località più famose come Capri, Ischia, Venezia, Taormina, Sanremo e la Costa Smeralda.  E’ stato inoltre protagonista di concerti e spettacoli svoltisi in Bulgaria, Slovacchia, Olanda, Polonia, Francia, Principato di Monaco, Russia, USA, Inghilterra, Egitto, Argentina.
Ha inciso 6 cd: "I love life", "Italia Patria mia", "Passione Napoletana", "Love will win", "Tribute to Caruso", "Merry Christmas".
È stato anche il protagonista di "Madama Butterfly" nella parte di Pinkerton.
La Fondazione Luciano Pavarotti lo ha convocato per ricordare lo straordinario tenore scomparso: Gambi si è esibito davanti a oltre 50.000 persone, ottenendo un successo incredibile. Durante il lockdown è stato uno degli artisti più seguiti del web grazie al video-messaggio di speranza, registrato sul balcone della sua casa, con la celebre romanza "Nessun dorma".

Da venerdì 27 gennaio è disponibile in radio e in digitale “Anima”, brano che vede collaborare due giovani talenti del panorama musicale italiano: EmPì & Illusione. Prodotto da Yazee, multi-platinum producer presso TDLab studio – “Anima” è una canzone caratterizzata da sonorità pop-rock con venature punk da gridare con felicità, a squarciagola, alla faccia della malinconia e del malessere che spesso una storia d’amore può portare con sé.

Il testo tocca le tipiche vibes che si provano all’interno di una relazione o di una cotta che spesso si rivelano pesanti: la canzone spiega che, sotto un’altra prospettiva, anche esse sono positive perché l’amore è bello in tutte le sue sfumature. Amate sempre” commentano EmPì & Illusione (nomi d’arte rispettivamente di Marco Pariano e Federico Cassini), aggiungendo: “Il titolo Anima è preso da una frase del ritornello: ‘vuoi scavarmi dentro l’anima’. Un invito alla persona amata: sei disposta/o a conoscermi a fondo accettando anche i miei difetti?”.

Il brano è corredato da un videoclip, diretto da Moterrrr.

Anima” – che sarà presentato in alcuni eventi durante la settimana sanremese - sarà la sigla di un programma nazionale che presto sbarcherà in tv.

Dopo un 2022 che lo ha visto pubblicare il disco ‘La musica che ci gira intorno’, un tour all’insegna del sold-out ovunque, affiancare Milly Carlucci a ‘Ballando con le stelle’ e grande protagonista della maratona ‘Telethon’, il 2023 di Paolo Belli comincerà a teatro con lo spettacolo ‘Pur di far Commedia’ con una tournée che toccherà tutta l’Italia.

Lo show, che ha debuttato nel 2022 ottenendo grande successo e applausi a scena aperta, è l’evoluzione naturale di ‘Pur di fare Musica’, messinscena che ha riscosso il riconoscimento della critica e del pubblico nelle stagioni precedenti.

In ‘Pur di far Commedia’ (scritto dallo stesso Belli con Alberto Di Risio) storie e aneddoti esilaranti accompagnano il pubblico alla scoperta di personaggi a volte surreali, ma che si dedicano senza limiti a realizzare il sogno di vivere seguendo la propria passione. Paolo racconta le mille peripezie ed i colpi di scena vissuti in tanti anni di carriera, fra divertenti provini a musicisti strambi ma geniali, momenti di riflessione ed i suoi grandi successi rivisitati in una nuova veste. Prosa, canzoni e risate sono gli ingredienti di “Pur di Far Commedia” dove Paolo, accompagnato da sette musicisti, lascia più spazio al parlato, ai racconti e all’interazione con il suo pubblico, si lascia trasportare dai ricordi riuscendo a coinvolgere i presenti, emozionando ed emozionandosi, ripensando al percorso finora fatto.

Sul palco, oltre ovviamente a Belli, ci saranno Juan Carlos Albelo Zamora, Gabriele Costantini, Mauro Parma, Enzo Proietti, Gaetano Puzzutiello, Peppe Stefanelli Paolo Varoli.

Prodotto da Pb Produzioni, il debutto del tour sarà a Courmayeur (Ao), al Teatro Cinema Palanoir, il 28 gennaio. Le altre date a oggi confermate: Cannobbio (Vb) il 2 febbraio al Teatro Nuovo; Saronno (Va) il 3 febbraio al Teatro Giuditta Pasta; Arzignano (Vi) il 4 febbraio al Teatro Mattarello; Crema (Cr) il 5 febbraio al Teatro San Domenico; Alessandria il 17 febbraio al Teatro Alessandrino; Argenta (Fe) il 18 febbraio al Teatro del Fluttuanti; Palermo, dal 24 febbraio al 4 marzo al Teatro Al Massimo; Napoli, dal 16 al 19 marzo al Teatro Troisi; Barletta (Bat) il 25 marzo al Teatro Curci; Rieti il 31 marzo al Teatro Flavio Vespasiano; Civitacecchia (Rm) dal 1° al 2 aprile al Teatro Comunale Traiano; Roma il 6 aprile al Teatro Olimpico. La data zero è invece prevista il 25 gennaio a Nocera Inferiore (Sa) al Teatro Comunale Diana.

I biglietti sono in vendita sui circuiti di vendita online.

Dal 21 gennaio per quattro settimane il sabato su Rai1 alle 12.00 Linea Verde Discovery ci porta alla scoperta del patrimonio agricolo, sociale e culturale di Roma e della sua Campagna. Cicerone di questo viaggio eccezionale Monica Caradonna che, nel corso delle quattro puntate, incontrerà i protagonisti delle produzioni d’eccellenza della campagna romana e ci porterà a conoscere la storia, il presente e l’avvenire che caratterizzano da millenni un racconto di qualità. 

Il vino dei Castelli Romani, l’olio extravergine d’Oliva della Sabina, e poi il racconto dei frutti della terra ed infine l’arte e l’amore del fare il pane. Una narrazione che porterà il pubblico a cogliere fino in fondo il valore di terroir unici, di intuizioni e della capacità di progettare il futuro di un luogo. 

Nella prima puntata, “Le vie del vino” con Monica Caradonna faremo un viaggio alla scoperta della storia e delle vocazioni del terroir dei Castelli Romani. I terreni vulcanici della campagna di Roma oggi, infatti, rappresentano un luogo di origine di vini d’eccellenza.

Incontreremo i grandi protagonisti della vigna, conosceremo i vitigni che costituiscono il dna di quelle produzioni che negli ultimi anni stanno conquistando sempre più appassionati. Scopriremo il lavoro di ricerca che si sta portando avanti per valorizzare i vitigni autoctoni che parlano il dialetto del territorio.

Le origini del vino risalgono alla notte dei tempi e il suo valore è testimoniato dalla scelta operata presso le antiche culture nell’attribuirgli un ruolo divino. Con i greci era Bacco, con i romani Dioniso, e sono proprio i Romani a portare nel mondo l’arte della coltivazione della vite.

 

Vincitrice di 3 Grammy e nominata in 6 categorie nella prossima edizione, la superstar multiplatino raggiunge un altro importante traguardo: "About Damn Time" è ufficialmente il brano più ascoltato nelle radio in Italia nel 2022 (Fonte Classifica annuale di EarOne). La traccia è un inno alla self-confidence, al riconoscere il proprio valore e la forza in sè stessi. Ma non solo, Lizzo è anche l’unica artista internazionale ad avere due brani nella top 10, oltre ad ‘About Damn Time’ al n.1, anche “2 Be Loved” è al n.6. 

La hit globale "About Damn Time", ormai vicina al miliardo di streams, ha invaso TikTok nei mesi scorsi, raggiungendo oltre 4M di video del brano e oltre 20 MILIARDI di visualizzazioni sulla piattaforma. Lizzo è stata inoltre l’artista più visualizzata del 2022 su TikTok in USA.

Un anno da incorniciare quello di Lizzo, che è stata una delle artiste a ricevere più nominations ai Grammy's del prossimo 5 Febbraio, nelle categorie più importanti. "About Damn Time" per Song of The Year, Record of The Year e Best Pop Solo Performance mentre l’album "Special" per Best Pop Vocal Album e per il prestigiosissimo Album of The Year. Ma non è finita qui per la superstar: il 2023 parte con il nuovo singolo a carattere motivazionale ‘Special’. Il brano si è dimostrato già uno dei preferiti dai fan di Lizzo, grazie all'esibizione al SNL.

Lizzo sarà in Italia il prossimo 2 Marzo per la tappa italiana del "The Special Tour" al Forum di Assago (Milano).

“Tales of a Sad Boy” è un ep di 4 canzoni prodotto da Mike Summers. E' una collaborazione con il rapper emo di New York dal nome Big Boss Mulaa. Rappresenta la terza release dei Love Ghost con la label Cleopatra Records.

1- Heartless: un dipinto sonoro della solitudine. Una foschia emo/alt rock e hip hop che libera le paure e i dubbi che sorgono dal trauma relazionale.

2- Lethargic: questa canzone cattura ciò che si prova ad assimilare al meglio in questa fase attuale della vita. 

3- Samurai: la canzone contiene un sottotono di tradimento. Si tratta di diventare un guerriero per combattere le battaglie nella tua mente. 

4- Train Tracks: questa canzone è una storia personale di intenso trauma e profonda empatia. 

“Tales of a Sad Boy” è disponibile su Spotify e segue una serie di uscite singole per Love Ghost elogiate da Rolling Stone, American Songwriter, FLAUNT, Alternative Press e altri.

I Love Ghost hanno recentemente girato l'Europa, dove hanno suonato al Rockpalast in Germania. Ad agosto hanno suonato in Città del Messico suonando con Adan Cruz sia all'Auditorio BB che al Gamergy Festival di Amazon che è stato trasmesso in tutta l'America Latina. Hanno fatto canzoni con artisti di tutto il mondo tra cui Rico Nasty, Adan Cruz, Teeam Revolver, Geassassin, Mabiland e Tankurt Manas.

Love Ghost è composta da Finnegan Bell (voce solista, paroliere, chitarra), Daniel Alcala (chitarra, ingegnere cori), Cory Batchler (tastiere, basso, cori) e Daniel Gallardo (batteria, voce).

Pagina 1 di 5
© 2022 LuMagazine All Rights Reserved. Designed By Swebdesign
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.