Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Big Mama: "Sono solita scrivere pezzi taglienti"

Marianna Mammone, in arte Big Mama, è la giovane rapper in gara alla 74esima edizione del Festival della canzone italiana.

«Arrivo da un piccolo paese di provincia, sono una persona che ha sempre creduto in tutto quello che ha fatto – dichiara l’artista avellinese - i sogni al di sopra di tutto, io sono questa, prima ancora di essere grassa. Storicamente le donne sono state sempre criticate, attualmente c’è ancora una tendenza a voler definire una donna per ciò che è, per la forma estetica e poi semmai per quello che di buono crea».

Come sei arrivata a scrivere "La rabbia non ti basta"?  

«Un processo nato di getto. Un brano che mi “dovevo”. Non avevo mai parlato a me stessa con il cuore in mano, ne avevo bisogno. Avevo la necessità di comunicarmi qualcosa di profondo».

Di cosa parla?

«Il brano parla del desiderio di rivalsa, della voglia di combattere, di farcela e soprattutto di credere in sé stessi nella maniera più assoluta. Io sto imparando a farlo, non è semplice. Sono solita scrivere pezzi taglienti e in questo caso mi sono impegnata a smussare un po' gli angoli. È un brano che considero universale, spero possa non essere frainteso».

Come stai vivendo quest’esperienza?

«Sono molto sorpresa di percepire l’affetto e la stima delle persone che mi circondano. I musicisti sono formidabili e le persone che mi riconoscono sono molto affettuose. C’è una bella energia in generale, si respira ovunque, anche tra noi donne in gara c’è complicità, per me questo è molto importante. Alle prove ero molto emozionata, spero di riuscirmi a rilassare un po’ di più. Porto un brano che ho scritto insieme alla mia ragazza e mi auguro che questo possa darmi tanta carica, anche e soprattutto prima di salire sul palco per l’esibizione».

Nel testo ad un certo punto scrivi “Più di un colpo d’arma da fuoco, ti restava solo incassarli”

«Tutta questa rabbia dovevo trasformarla in qualcosa di bello, farla tramutare in energia positiva. Perché o trovi la forza per reagire o ti ammazzi e non nego che ho pensato anche alla seconda soluzione, specialmente quando ero più piccola. La paura di non essere capiti è tanta, non riuscivo a parlare con i miei genitori per raccontare quello che mi succedeva. Ero molto brava a nascondere il malessere, ma devo ammettere che ero circondata da parecchio menefreghismo, mia mamma e i professori, infatti, non si sono mai resi conto di nulla».

È stata una fase della tua vita molto dura…

«Si. Iniziavo a darmi la colpa di tutto, ero autolesionista. Ho sofferto anche di disturbi alimentari. Mi sono fatta del male. Il mio modo di punirmi era ed è purtroppo ancora oggi quello di non mangiare. Vorrei tanto poter risolvere questa cosa ma non è semplice».   

 

Rosy Della Ragione

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

© 2022 LuMagazine All Rights Reserved. Designed By Swebdesign
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.